PHILOSOPHY FOR CHILDREN

✧✧

Una proposta per arricchire e qualificare l’offerta formativa attraverso un percorso formativo di continuità nella scuola dell'obbligo (artt. 7/3, 13, 30 CCNI ’99)

• come attività integrativa in orario extracurricolare

• come attività curricolare locale (15% flessibilità)

• attraverso la costituzione di una “rete di scuole”

 

SOGGETTI PROPONENTI

Dipartimento di Filosofia del Liceo Ginnasio “Gioia”: referente prof. Cristina Bonelli

INTRODUZIONE

La Philosophy for children rappresenta una delle più significative esperienze pedagogiche contemporanee. Iniziata negli anni '70 da Matthew Lipman, filosofo di formazione deweyana, profondamente interessato a problematiche pedagogiche e fondatore dell'Institute for the Advancement of Philosophy for Children, ha avuto ampio seguito e diffusione dapprima negli Stati Uniti e successivamente in tutto il mondo con l'istituzione di numerosi centri e una consolidata sperimentazione del programma.

La Philosophy for children è un progetto educativo che valorizza l’impianto metodologico di tipo dialogico, trattando problemi e questioni di natura filosofica (il valore della vita, il pensiero, il rapporto mente-corpo, la verità, la giustizia) secondo una didattica fondata sulla discussione e sulla valorizzazione della soggettività e della personale ricerca ed esperienza. Infatti modello metodologico di riferimento è la "comunità di ricerca",  gruppo di insegnamento-apprendimento in cui è possibile costruire un percorso di ricerca comune attraverso il confronto dialogico e l'articolazione di procedure euristico-riflessive in riferimento ai temi ed ai problemi individuati.

In tale situazione l'insegnante si pone come un "facilitatore" del processo di ricerca, che segue e stimola attraverso l'uso di domande aperte, interventi di chiarificazione, approfondimento, ricerca di criteri procedurali comuni e condivisibili senza mai orientare il gruppo verso un obiettivo diverso da quello regolativo di fondo: la fedeltà allo spirito della ricerca e dell'indagine, necessariamente aperta, dinamica e virtualmente interminabile.

OBIETTIVI

Il progetto persegue l'obiettivo di fornire un arricchimento culturale e concettuale e, soprattutto, quello di migliorare le abilità specifiche della comprensione, dell'analisi, della soluzione dei problemi, della valutazione critica delle situazioni. Nello stesso tempo, trasformando la classe in "comunità di ricerca", favorisce lo sviluppo della dinamica di gruppo e, quindi, orienta in senso positivo lo sviluppo socio-affettivo.

 SCHEDA DEL PROGETTO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Destinatari

• Alunni del ciclo primario e del ciclo secondario

• Docenti "facilitatori" del curricolo

Finalità

• Educazione dell'ascolto.

• Educazione del pensiero.

• Educazione alla prassi democratica

Obiettivi generali

• Miglioramento del curricolo e della didattica attraverso un percorso formativo di continuità nella scuola dell'obbligo.

• Fusione di teoria e pratica nella ricerc-azione.

• Armonizzazione di conoscenza e vissuto.

Obiettivi didattici

• Miglioramento dei processi logico-argomentativi.

Transfer positivo di atteggiamenti critici e riflessivi.

• Miglioramenti nella sfera affettivo-emotiva e relazionale degli alunni.

Attività

Le attività proposte potranno essere anche svolte in 2 successivi anni scolastici, a secondo dei tempi, dei ritmi e degli interessi del gruppo- docente che si andrà a costituire.

Corso di formazione-aggiornamento per docenti di scuola elementare e media inferiore interessati a introdurre e sperimentare la Philosophy for children nella loro attività scolastica

Laboratorio filosofico: 10 ore circa per ogni gruppo-classe interessato, suddivise in incontri da calendarizzare, coordinati dal docente-facilitatore nella funzione di tutor

Organizzazione di un seminario conclusivo di presentazione del progetto, della sua attività e dei suoi esiti

Miglioramenti attesi

• Auto-stima

• Dialogo costruttivo

• Sensibilità al contesto

• Competenze di analisi/lettura

• Competenze logiche

• Pensiero creativo

Costi

• Per le spese delle diverse attività è stato chiesto un finanziamento

al Comune, nel caso in cui non fosse ottenuto, le scuole potrebbero farsi carico dei costi

FORMAZIONE SPECIFICA DEI DOCENTI "FACILITATORI"

L'utilizzazione didattica del curricolo richiede una formazione specifica per l'acquisizione delle competenze e delle abilità da cui dipende il livello dei risultati e la qualità degli obiettivi che si possono conseguire. Le docenti, Bonelli e Cogliati, che si propongono  come coordinatrici del progetto e tutor-facilitatori dell’attività didattica laboratoriale, a tal proposito, hanno svolto i Corsi di Perfezionamento “Philosophy for children: costruire comunità di ricerca” presso l’Università di Padova, negli a/a 2003/04 e 2004-’05 conseguendo i titoli di Teacher Expert e Teacher Educator.

 

Le docenti proponenti: Cristina Bonelli e Marisa Cogliati

 

Viale Risorgimento, 1 - 29121 - Piacenza - Italy        Phone +39 0523 306209       C.F. 80009510332         liceogioia@liceogioia.it

PRIVACY